mercoledì 18 maggio 2011

Comunali Lanciano: chi entra e chi esce

A bocce ferme, e in attesa del ballottaggio del 29 e 30 maggio, a Lanciano si fa il punto della situazione sullo scrutinio elettorale. Nel centrodestra si registra l'exploit di Paolo Bomba, vicesindaco uscente, che tra le file dell'Udc ha raccolto 682 consensi, risultando il più votato. Non è stato da meno il suo compagno di partito Errico D'Amico; il nipote del senatore Errico, nonchè figlio del sindaco e assessore Attilio D'Amico, ha registrato infatti un ottimo debutto, se si considera che si presentava alle comunali per la prima volta: 591 voti. Il segretario cittadino del Partito Democratico Leo Marongiu, con un incoraggiante bottino di 296 voti, è il più votato del centrosinistra. Lo seguono Pasquale Sasso (Pd, 283 voti) e Alex Caporale (Uniti per Lanciano, 233). Raffaele Cavallo, presidente regionale di Slow Food in quota Pd, ha ricevuto 49 voti. Solo 37 voti per Bruno Di Ciano, capolista de La Destra ed ex coordinatore dell'Ente Fiera. Riconferma in vista, al consiglio comunale, per buona parte degli assessori uscenti: nel Pdl Luciano Bisbano vanta 373 voti, Manlio D'Ortona 381 voti, Graziella Di Campli 334, Marco Di Domenico 269. Spulciando i risultati di Sel, che a livello nazionale si è ben piazzata (si pensi al caso Pisapia a Milano), spicca il nome di Piero Cotellessa, che con 103 voti stacca nettamente i suoi compagni di partito e raggiunge il 19,69%. Il premio di maggioranza è scattato per il centrodestra (40.47%), quindi Pupillo - qualora uscisse vincitore dal ballottaggio - rischierebbe di non avere i numeri per governare. Non se la passa meglio il suo avversario Bozza, "vittima" di uno scarto elevato tra i voti ricevuti a livello personale (9.396) e quelli andati alle liste che lo sostenevano (11.149). Colpa, in questo caso, soprattutto del voto disgiunto. In consiglio comunale il centrosinistra eleggerebbe Marongiu, Sasso, Maria Saveria Borrelli e Antonio Bianco per il Pd, Dora Bendotti e Maria Bernadetta Cibotti per Lanciano in Comune, Caporale per Uniti per Lanciano. Il centrodestra eleggerebbe invece D'Ortona, Bisbano, Di Campli, Di Domenico e Angelo Palmieri (Pdl), Bomba, D'Amico, Tonia Paolucci e Roberto Gargarella (Udc), Eugenio D'Ovidio e Riccardo La Morgia (Con Bozza), Luca Antonelli (Energie Nuove) e Italo D'Autilio (Alleanza per Lanciano Libera).

Nessun commento:

Posta un commento